Categoria: Aforismi e dintorni

Sam Collins

Sam E. Collins (Dublino 5 September 1982) è un avvocato e giocatore di scacchi irlandese con il titolo di International Master (IM).
Ha scritto diversi libri sugli scacchi.

Sam Collins

Citiamo questa sua riflessione tratta dall’intervista su Chess Base del 27 marzo 2017:
‘Il fatto che i tornei moderni possono essere guardati con i motori di ricerca crea la falsa impressione che il gioco degli scacchi sia facile, e i giocatori spesso dimenticano di lavorare su specializzazioni di base come il calcolo’

Ian Rogers

(Hobart, 24 giugno 1960) è uno scacchista australiano. Grande maestro, ha partecipato con la nazionale australiana a quattordici edizioni delle Olimpiadi degli scacchi dal 1978 al 2006 (undici volte in prima scacchiera), ottenendo complessivamente il 59,2% dei punti.
Quattro volte vincitore del Campionato australiano (1980, 1986, 1998 e 2006), Ian Rogers è stato per oltre vent’anni (dal 1984 al 2007) il giocatore australiano con il più alto punteggio Elo. Dopo il ritiro nel 2007 per motivi di salute è diventato editorialista del quotidiano The Sydney Morning Herald.

Ian Rogers

A lui viene attribuita questa riflessione:
’Due pedoni passati sulla sesta traversa battono tutti, come la scala reale a poker.’

Jennifer Shahade

(Philadelphia, il 31 dicembre 1980) è una giocatrice statunitense di scacchi e di poker, commentatrice e scrittrice. È stata due volte campionessa statunitense di scacchi e ha il titolo FIDE di Woman Grandmaster .
E’ l ‘autrice dei libri Chess Bitch e Play Like a Girl e co-autrice con Marcel Duchamp di The Art of Chess.

Jennifer Shahade

Citiamo questa sua riflessione:
‘Gli scacchi non sono rilassanti; sono stessanti persino quando vinci‘

Viktor Korčnoj

Viktor L’vovič Korčnoj (Leningrado, 23 marzo 1931 – Wohlen, 6 giugno 2016) è stato uno scacchista sovietico naturalizzato svizzero.
Per oltre un trentennio (dagli anni sessanta agli anni ottanta) è stato uno dei grandi protagonisti della scena scacchistica internazionale e per due volte sfidante per il titolo di campione del mondo.
Korčnoj è stato un giocatore molto amato dal grande pubblico degli appassionati, sicuramente uno dei giocatori più stimati di sempre, per il suo gioco fantasioso, sempre alla ricerca di nuove soluzioni, per le difficoltà che ha dovuto attraversare, per l’esilio e il boicottaggio subiti da parte dell’Unione Sovietica, per i due mondiali persi, ma anche e soprattutto per la sua indole indomita, che lo ha tenuto sulla scena principale per oltre sessant’anni.

Victor Korchnoj

Fra le tante sue frasi celebri citiamo:
‘Nessun Grande Maestro è normale… La differenza fra loro è il diverso tipo di follia.’

Edmar Mednis

(Riga, 22 marzo 1937 – New York 13 febbraio 2002) fu uno scrittore americano di libri di scacchi.
Granmaestro, fu il primo che battè Bobby Fischer in un campionato statunitense di scacchi.

Edmar Mednis

Espresse in questo pensiero la sua filosofia sul gioco: “Dopo una brutta apertura, c’è speranza per il gioco centrale. Dopo una brutta partita intermedia, c’è speranza per la partita finale. “

Mikhail Chigorin

Mikhail Ivanovich Chigorin (Gatchina, 12 novembre 1850 – Lublino 25 gennaio 1908)
è stato uno dei principali giocatori di scacchi russi . Ha giocato due campionati mondiali contro Wilhelm Steinitz , perdendo entrambe le volte.
L’ultimo grande giocatore dello stile scacchistico romantico , è stato anche una delle principali fonti di riferimento per la ” Scuola di scacchi sovietica “, che ha dominato il mondo degli scacchi per buona parte del XX secolo.

Mikhail Chigorin

A lui viene attribuito questo aforisma: “Anche un piano scadente è meglio di nessun piano”.

Lodewijk Prins

(Amsterdam, 27 luglio 1913 – Amsterdam, 11 novembre 1999) è stato uno scacchista olandese. Partecipò a tutte le 12 Olimpiadi dal 1937 al 1968. Era un cultore della problemistica scacchistica e scrisse diversi libri di scacchi in collaborazione con Max Euwe.

Lodewijk Prins

Sui giocatori di scacchi disse: “La sola cosa che i giocatori di scacchi hanno in comune sono gli scacchi. “

Daniel Kopec

(28 febbraio 1954 – 12 giugno 2016) è stato un maestro di scacchi americano, insegnante e professore di informatica presso il Brooklyn College .
Ha scritto numerosi libri sul tema degli scacchi e prodotto otto DVD didattici per l’insegnamento del gioco.

Daniel Kopec

Ebbe a dire: ‘Gli scacchi sono un gioco duro. Non ci sono soluzioni facili.’

Hans Ree

(nato il 15 settembre 1944 ad Amsterdam) olandese, è un Gran Maestro e un giornalista e scrittore di scacchi per la NRC Handelsblad . Collabora alle principali riviste di scacchi New In Chess e ChessCafe.com.
Nella sua più recente opera The Human Comedy Of Chess (Access Publishers Network, 2000) racconta gli sviluppi nel mondo degli scacchi in modo umoristico.

Hans Ree

A lui si attribuisce questo aforisma:
‘Il gioco degli scacchi è talmente bello che vale ben la pena di sprecarci la vita.’

Tania Sachdev

(Delhi, 20 agosto 1986) è una scacchista indiana, Grande Maestro Femminile. E’ un’apprezzata commentatrice e si dedica molto alla diffusione del gioco.

Tania Sachdev

Nell’intervista al The Telegraph del 19-11-2017 esprime questo suo pensiero:
‘Ora è più bello essere un giocatore di scacchi di quanto non sia mai stato prima. I genitori riconoscono che non importa se il loro figlio o figlia giocherà a scacchi professionalmente; stanno indirizzando i loro figli verso gli scacchi perché è un gioco che promuove abilità cognitive utile per qualsiasi cosa si scelga di fare nella vita. “