Categoria: Aforismi e dintorni

Kenneth Rogoff

(Rochester, 22 marzo 1953) è uno dei principali economisti del mondo.
E’ professore Thomas D. Cabot di politiche pubbliche e professore di economia all’Università di Harvard.
Ha lavorato come economista presso il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e presso il Consiglio dei Governatori del Sistema della Riserva Federale.
E’ stato un valente giocatore di scacchi diventando Grande Maestro nel 1978.

Kenneth Rogoff

In un suo articolo apparso su Project Syndicate nel gennaio 2010 affermava:
“Oggi, i programmi di scacchi sono diventati così buoni che anche i grandi maestri a volte faticano a capire la logica dietro alcune delle loro mosse.”

Sarah Hurst

È nata e cresciuta in Inghilterra, ha vissuto in Russia, Azerbaigian, Cina ed Alaska.
È giornalista, autrice, traduttrice russa e formatrice interculturale.
Da anni si interessa degli aspetti sociali legati al mondo degli scacchi.

Sarah Hurst

Nell’intervista, rilasciata a Kingpin Chess Magazine nel 2015, si legge questa sua riflessione;
‘Gli scacchi sono una ricerca molto individuale, non richiede collaborazione e non tiene conto di complesse relazioni umane.’

Wolfgang Uhlmann

(Dresden, 29 marzo 1935 – Dresden, 24 agosto 2020) grande maestro di scacchi tedesco.
Negli anni ’60 e ’70, era uno dei migliori giocatori di scacchi al mondo.

Wolfgang Uhlmann

Nell’intervista rilasciata a Dagobert Kohlmeyer all’inizio del 2020 sottolinea quali sono gli ingredienti per ottenere ottime prestazioni nel gioco degli scacchi.
“Condizione, disciplina, immaginazione, creatività, hai bisogno di tutte queste cose per avere successo nel nostro sport mentale.”

Clemens Lotz

(Offenburg, 1993) tedesco, è un compositore, insegnante e musicista jazz.
Con Chess & Jazz Berlin, dall’aprile 2019, le serate di scacchi con jazz dal vivo da lui proposte al Transit Bar – Restaurant di Kreuzberg sono diventate uno degli eventi più caldi di Berlino.

Clemens Lotz

Sul connubio dice:
“Scacchi e jazz probabilmente non hanno molto a che fare l’uno con l’altro a prima vista, ma funzionano meravigliosamente insieme, perché entrambi richiedono abilità simili, come un alto grado di creatività, concentrazione, capacità decisionale, adattabilità e passione.”

Jay-Z

Jay-Z, pseudonimo di Shawn Corey Carter (New York, 4 dicembre 1969), è un famoso rapper statunitense, imprenditore, produttore discografico e procuratore sportivo.
Ha sempre avuto un buon rapporto con gli scacchi.

Jay-Z

Nella sua autobiografia, Decoded, ha raccontato: “Il mio papà mi ha insegnato a giocare a scacchi, ma più di questo, mi ha insegnato che la vita era come una scacchiera gigante in cui dovevi essere completamente consapevole del momento, ma anche pensare a qualche mossa da seguire.”

Jason Kouchak

nato a Lione nel 1967, francese  è un pianista, compositore e coreografo classico. E’ anche un appassionato giocatore di scacchi.
Si è sempre dedicato al suo concetto pionieristico, ovvero educare e intrattenere attraverso la musica, il balletto e gli scacchi.

Jason Kouchak

Sul suo chessballet.com si legge:
‘Ogni partita a scacchi è come una nuova melodia che si risolve magnificamente alla fine di un viaggio’

Ennio Morricone

(Roma 10 novembre 1928, Roma 6 luglio 2020), è stato un compositore, musicista, direttore d’orchestra e arrangiatore italiano. Il suo talento musicale è apprezzato in tutto il mondo.
E’ sempre stato un appassionato giocatore di scacchi.

Ennio Morricone

Nell’intervista rilasciata a Paris Review nel marzo 2019 dice:
“Bene, io direi che gli scacchi sono il miglior gioco, proprio perché non è un semplice gioco. Tutto è messo in gioco – le regole della moralità, della vita, dell’attenzione e della determinazione a combattere senza spargimento di sangue, la risoluzione per vincere e farlo correttamente – con talento, piuttosto che pura fortuna. Infatti, queste minuscole statuette di legno che tieni in mano, diventano potenti poiché assorbono l’energia che sei disposto a trasferire su di esse.”

Vladimir Kramnik

(Tuapse 25 giugno 1975 ) è uno scacchista russo. Dal 2000 al 2006 è stato Campione del Mondo PCA e, dopo la riunificazione del titolo con la FIDE, dal 13 ottobre 2006 al 1º ottobre 2007, è stato il campione del mondo di scacchi.

Vladimir Kramnik

Nella intervista rilasciata nel mese di giugno ’20 a Tania Sachdev per Red Bull’s series ‘The Mind Behind’, da questo consiglio ai giovani giocatori:
‘Sono stato fortunato a non aver mai avuto un consulente. Quando impari le cose con la tua stessa esperienza – e molto spesso un’esperienza negativa – fai degli errori stupidi e poi impari da loro. È una lezione molto migliore.’

Edward Winter

Edward Winter (nato nel 1955) inglese,  è un giornalista, archivista, storico, collezionista e autore di scacchi.
Dal 1982 scrive ‘Chess Notes’ una rubrica sulla storia degli scacchi che ha una vasta gamma di argomenti e ha generato quattro antologie. Questo suo lavoro è un punto di riferimento importante per la storia degli scacchi.
La sua monografia su Capablanca è un libro molto diffuso e apprezzato.

Edward Winter

Ricordiamo questa sua riflessione:
‘Sulla scacchiera bugie e l’ipocrisia non sopravvivono a lungo ’

Carlo Bolmida

Carlo Bolmida (Torino 6 giugno 1928) vulcanica personalità di medico dentista, pittore, fotografo, bibliofilo, articolista arguto e scacchista. Ha lavorato intensamente per la diffusione del nobil gioco.

Carlo Bolmida

Fra i suoi tanti aforismi abbiamo scelto:
‘L’unico gioco che appartenga a tutti i popoli e a tutti i tempi e di cui nessuno sa quale iddio l’abbia portato sulla terra per ammazzare la noia, acuire i sensi, avvincere l’anima.’